SULLE ORME DI ROCCO SCOTELLARO

Le chiamavano terre vergini di “zappa”, le chiamavano così i contadini, erano le terre del latifondo, che i grandi padroni assenteisti neppure si sognavano di far dissodare.                                                                                                                                                                                                               Terre mai bagnate da una goccia di sudore, nelle quali a volte si imprimeva l’orma degli zoccoli quando i padroni le percorrevano in sella ai loro cavalli, magari per una battuta di caccia con amici.                                                                                                                                                                             I contadini, i braccianti, ne parlavano e sui loro volti si disegnava l’invidia, la rabbia. Quei terreni che non conoscevano il lavoro dell’uomo facevano gola, potevano essere la risoluzione degli enormi problemi economici di migliaia di famiglie.                                                                       Intanto erano li, ricoperte dalle erbacce, divorati dagli incendi. E’ loro, la plebe dei campi, senza lavoro, senza un soldo. La rabbia saliva ogni giorno, come il sole che si affacciava all’alba sulle pianure dello Jonio che picchiava a mezzogiorno sulle valle di Vitalba che dipingeva ogni giorno il golfo di Manfredonia e imbruniva dietro il Gargano.                                                                                                                                                Il modello produttivo dell’unità d’Italia abbozzato da Cavour era impietosoverso l’agricoltura del mezzogiorno.                                                                                                                                                                                                       La forbice tra le due Italia (nord e sud) cominciò ad allargarsi.                                                                                                                                                                     La fame e il freddo decimavano le famiglie rurali. Questa rabbia duro fino al 1950.                                                                                                                                                                       Successivamente, preceduta da lotte che procurarono arresti e persecuzioni, morti e feriti, arrivò la riforma fondiaria.                                       Gli animi dei lavoratori delle terre si quietarono, non del tutto, ma fu l’inizio.                                                                                                                                 La riforma fu rapidamente applicata nelle campagne; spazzò via in poche settimane il carattere semifeudale dei contratti agrari: chi lavorava i campi poteva comprare le attrezzature.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...