LA LEGGE STRALCIO

Per l’attuazione della Legge Stralcio, vennero costituiti appositi Enti o Sezioni Speciali di Enti preesistenti, tra i quali:

                                                                                                                                                                                                                                                                                       1) Ente per la colonizzazione del Delta Padano (D.P.R. 7 febbraio 1951, n. 69), con una SAU di circa 260 mila ettari;                                               2) Ente per la colonizzazione della Maremma Tosco-Laziale  (D.P.R. 7 febbraio 1951, n. 66), con una SAU di circa 956 mila ettari;                   3) Ente per la valorizzazione del territorio del Fucino (L. del 9 agosto 1954, n.639), con una SAU di 44 mila ettari;                                                         4) Ente per la trasformazione fondiaria ed agraria in Sardegna (D.P.R. del 27 aprile del 1951, n. 265), con una SAU di 2.126.000 ettari;   5) Presso l’Opera Nazionale Combattenti fu istituita la Sezione Speciale per la Riforma Fondiaria in Campania (D.P.R.  del 7 febbraio del 1951, n. 70), con una SAU di 121.421 ettari;                                                                                                                                                                      6) Presso l’Ente di sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia e Lucania istituita con D.L. del 18 marzo 1947, n. 281-venne creata la Sezione Speciale per la Puglia, la Lucania e il Molise (D.P.R. del 7 febbraio del 1951, n. 67), con una SAU di 1.453.181 ettari;                                                                                                                                                                                                                                                                             7) Presso l’opera di valorizzazione della Sila, venne creata la Sezione Speciale per la riforma fondiaria in Caulonia (D.P.R. del 7 febbraio del 1951, n.68), con una SAU di 41.600 ettari;                                                                                                                                                                                           8) Presso l’Ente autonomo del Flumendosa, venne creata la Sezione Speciale per la Riforma Fondiaria nel Flumendosa ( D.P.R. del 27 aprile del 1951, n. 264), con una SAU di 195 mila ettari. Le Sezioni Speciali avevano gestione autonoma e patrimonio separati da quelli  dell’Ente di provenienza, ma erano comunque sottoposte al controllo dei misteri dell’agricoltura e foreste. Gli enti di Riforma erano organizzate in strutture periferiche chiamati centri di Colonizzazione, che a loro volta erano costituiti in Gruppi di Aziende contadine (GAC) o reparti, le quali raggruppavano una specie di terreno variabile tra i 1.000 ed i 5.000 ettari.  Collateralmente agli organi centrali e periferici agivano appositi nuclei di assistenza tecnica, che si occupavano di attività specifiche come ad esempio la meccanizzazione agraria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...