LA FINE DEGLI ANNI DELL’ OSCURANTISMO IN AGRICOLTURA

“In nessun altro paese” scrisse SIDNEY G. TARROW in Partito Comunista e Contadini nel  Mezzogiorno (Einaudi, Torino, 1972) ” la proprietà delle terre è rimasta in un groviglio di rapporti così confusi e intricati come nel mezzogiorno”.                                                                                                                                  Uno studio effettuato nelle zone di Riforma in Basilicata, Molise e Puglia mise in evidenza che oltre il 60% degli ettari espropriati proveniva dalle proprietà possedute dagli agrari assenteisti e coltivate da affittuari e coloni.                                                                                                      I latifondi furono in parte frantumati, i minuzzoli assegnati alle famiglie dei contadini; venivano assegnati frammenti di terre, dai  3-4 ettari, ad un massimo di 7 ettari.                                                                                                                                                                                                                       “Qualcosa di importante c’era”. Riportava la calma al sud, nell’ Italia del dopoguerra. Si chiudeva un’epoca di OSCURANTISMO in agricoltura per il MEZZOGIORNO e per la BASILICATA. A Policoro come a Lavello, a Scanzano come a Venosa, a La Martella come a Grumento, a Ferrandina come a Pisticci e Bernalda, a Montalbano come a Senise e Irsina, ad Avigliano come a Bella spuntarono qua e la casette con il terreno vicino. A volte erano raggruppate in villaggi, vi si trasferirono le famiglie che, con mano alla zappa cominciarono a dissodare dove “l’arnese non aveva mai affondato”; sradicarono le erbacce, le pietre diventarono massicce e muri a secco, il profilo delle campagne meridionali cambiò. Si coltivava ogni zolla, tutta l’acqua veniva raccolta e utilizzata per irrigare. I bisogni però aumentarono ma la TERRA NO. Le scuole elementari erano puriclassi che raccoglievano bambini nell’arco di 10 chilometri.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...